lunedì 3 settembre 2012

Inventata l'arma di difesa contro le droghe dello stupro

Questa è una bellissima notizia, davvero inaspettata: è stata inventata la CANNUCCIA ANTI-STUPRO! Il minuscolo oggetto che potrà salvare miriadi di donne dal crescente pericolo di subire violenze e abusi inflitti con il più semplice dei metodi: la somministrazione di una sola goccia di una droga micidiale in qualunque drink o nel più semplice bicchier d'acqua. Una droga ancora poco conosciuta, ma che dilaga rapidamente: un mese fa a Milano (città ritenuta un centro nevralgico del suo spaccio) ne sono state sequestrate 57.000 dosi. Inodore, insapore (al punto che viene nascosta proprio nelle bottiglie d'acqua!) una sola goccia di queste sostanze in un drink, e chiunque di noi può trasformarsi in una bambola inerme, facile da stuprare e seviziare; e che difficilmente riuscirà a ricordare abbastanza per essere in grado, poi, di effettuare una denuncia. Come difendersi? fino ad oggi era praticamente impossibile! ma ecco che compare l'oggetto meraviglioso che vedete nella foto allegata. Si tratta di una semplice cannuccia - da tenere sempre in borsa - che, immersa nel drink, cambiando colore rivela immediatamente la presenza delle sostanze chimiche colpevoli: ketamina e GHB (gamma-idrossibutirrato). Ed è ora allo studio il suo perfezionamento per rilevare anche il Rohypnol. Ormai accettare un bicchiere in qualunque locale era diventato un salto nel buio: mettersi potenzialmente in mano a violenti e maniaci. Da questo incubo ci solleva ora il lavoro di due ricercatori, Fernando Patolsky (docente di chimica a Tel Aviv) e il suo partner Michael Ioffe: a cui diciamo GRAZIE. Con tutto il cuore grazie. 
Ci auguriamo che tutte le discoteche avranno presto in vendita questa cannuccia! Oltre a supermercati e farmacie... E a tutte le nostre amiche, e figlie, amanti delle discoteche diciamo: tenete d'occhio questa vicenda! Appena disponibile questo aggeggio, non dimenticatelo fra i regali da fare a voi stesse e alle amiche.

Nessun commento:

Posta un commento